martedì 1 febbraio 2011

#291 - senza trucco nè inganno


La noia di un pomeriggio senza nulla da fare, niente studio, niente impegni incombenti e sopratutto un fine settimana di degno riposo era li tutto per me e cosa c'è di meglio che immergersi nella lettura del proprio fumetto preferito?!Prendo in mano uno dei numeri arretrati che mi restano da leggere e guardo la copertina, di Angelo Stano, dopo una prima analisi preliminare, devo dire che è originale e lascia un pò di mistero e di punti interrogativi, come sempre il protagonista è il nostro Dylan, non è proprio in azione contro qualche mostro mal capitato, ma intrappollato in una gabbia per canarini. Inizio la lettura stando naturalmente attento a non rovinare le copertine, i disegni, di Fabio Celoni, naturalmente sono fatti in maniera perfetta, con chiari scuri veramente stupendi e riescono a coinvolgere il lettore solamente con un primo sguardo. La storia, sceneggiatura di Giovanni Di Gregorio, scivola via bene, dove una bella assistente, contesa tra due prestigiatori, scatena una vera e propria guerra di magia della quale Dylan Dog, da semplice spettatore, diventa presto parte in causa, quando ritrova il corpo della giovane, assassinata! Per l’Indagatore dell’Incubo non sarà facile scorgere l’incredibile verità celata oltre la fitta coltre di inganni e trucchi messa in piedi dai due illusionisti. E naturalmente i colpi di scena e il finale li lascio in sospeso cosi da non rovinare la lettura a qualche appassionato di DYD che legge queste righe prima dell'albo. Alla fine chiudo l'albo e soddisfatto come sempre lo imbusto e lo ripongo nella libreria, dove lo aspettano tutti gli altri albetti che compongono la mia collezione, come sempre Dylan non mi ha deluso e mi ha tenuto compagnia per una mezzora. grazie Dylan sei sempre un buon compagno per passare dei minuti in tranquillità