martedì 27 settembre 2011

Henri Laborit - Elogio della fuga


Quando non si può lottare
contro il vento e il mare
per seguire la sua rotta,
il veliero ha due possibilità:
l'andatura di cappa
(il fiocco a collo e la barra sottovento)
che lo fa andare alla deriva,
e la fuga davanti alla tempesta
con il mare in poppa
e un minimo di tela.
La fuga è spesso,
quando si è lontani dalla costa,
il solo modo di salvare barca ed equipaggio.
E in più permette di scoprire rive sconosciute
che spuntano all'orizzonte
delle acque tornate calme.