giovedì 1 settembre 2011

...Il lago ghiacciato...

Una volta due piccoli amici si divertivano a pattinare su un laghetto gelato. Era una sera nuvolosa e fredda, i due bambini giocavano senza timore; improvvisamente il ghiaccio si spaccò e si aprì inghiottendo uno dei bambini. Lo stagno non era profondo, ma il ghiaccio cominciò quasi subito a richiudersi. L'altro bambino corse alla riva, afferrò la più grossa pietra che riuscì a trovare e si precipitò dove il suo piccolo compagno era sparito. Cominciò a colpire il ghiaccio con tutte le sue forze, picchiò e picchiò finchè riuscì a rompere il ghiaccio, afferrare la mano del suo piccolo amico e aiutarlo a uscire dall'acqua...Quando arrivarono i pompieri e videro quanto era accaduto si chiesero sbalorditi: "Ma come ha fatto? Questo ghiaccio è pesante e solido, come ha potuto spaccarlo con questa pietra e quelle manine minuscole?". In quel momento comparve un anziano che disse: "Io so come ha fatto". "Come?" chiesero. Il vecchietto rispose: "Non aveva nessuno dietro di lui a dirgli che non poteva farcela...". Ci sono forze sbalorditive dentro di noi, ma basta così poco a farcele dimenticare.
Fonte: Bruno Ferrero