mercoledì 2 novembre 2011

The Firelands - Capitolo 0


Quale fosse la ragione che li spinse a scegliere me quale loro caposquadra rimane ignota tuttora alla mia mente. Eppure in cuor mio sapevo perfettamente che era la cosa giusta da fare. Le battaglie che avevamo affrontato insieme, gli sforzi che avevamo fatto per restare in vita durante le nostre imprese, tutto ciò che avevamo portato a termine era servito a rafforzare il legame che ci univa. Ripensandoci ora trovavo abbastanza ironico il fatto che proprio io, un Elfo del Sangue, fossi stato scelto per comandare un gruppo di guerrieri scelti così tante volte. Noi Elfi del Sangue in fondo non eravamo mai stati accolti benevolmente dall'Orda. Thrall sicuramente era un capo saggio e potente e nessuno avrebbe mai messo in discussione la sua parola. Cairne era sicuramente al suo pari come saggezza, ma il destino ha voluto che scomparisse prematuramente, lasciando la guida dei suoi fratelli Tauren al giovane figlio Baine Bloodhoof, giovane invero, ma altrettanto saggio, coraggioso e di buon cuore come il padre. La promozione di Garrosh a Signore della Guerra dell'Orda e capo di Orgrimmar fu una notizia improvvisa quanto un fulmine che attraversa il cielo in una limpida giornata estiva. Se prima il nostro posto nell'Orda era incerto, con il figlio di Hellscream al comando la nostra posizione si era ulteriormente indebolita. Gli Orchi ci guardavano gia da tempo con disprezzo. I Troll erano impegnati nella riconquista delle loro terre natali, le Isole Echo, e non si sarebbero curati molto della nostra presenza. I Tauren stavano cercando di curare la profonda ferita che la morte di Cairne, per mano di Magathama Runetotem, aveva lasciato nelle loro vite. I Goblin dal canto loro non si erano mai fidati nemmeno dei loro stessi fratelli, figuriamoci fidarsi di chi un tempo era membro dell'Alleanza. Eppure, nonostante tutti questi conflitti interni e tutti questi reciproci sospetti io, un Elfo del Sangue come tanti, devoto alle vie della luce, addestrato dai Paladini più anziani di Silvermoon, ero stato scelto per guidare un gruppo di individui appartenenti ad ogni razza facente parte dell'Orda. Sinora le imprese che avevamo compiuto noi dieci erano state si avventate e irte di pericoli, ma nessuna era al pari dell'importanza che aveva invece questa. Non si trattava semplicemente di eliminare una minaccia contenuta. Questa volta non ci saremmo addentrati nuovamente nella Montagna di Blackrock per sconfiggere ancora una volta Nefarian e le sue mostruose creazioni. Non saremmo saliti sino alle sommità più alte delle Twilight Highlands per porre fine ai piani di distruzione di Cho'Gall e di Sinestra, sposa di Deathwing. Questa volta si sarebbe trattato di entrare direttamente nel cuore del Regno del Fuoco e sradicare una volta per tutte la presenza da Azeroth del signore supremo delle fiamme. Un tempo pensavamo di averlo sconfitto quando dentro al Molten Core avevamo eliminato tutti i suoi servitori devoti e spegnemmo la sua fiamma. Solo troppo tardi ci rendemmo conto che ciò che avevamo sconfitto altro non era che la proiezione di una parte del corpo del Signore delle Fiamme. Con il risveglio di Deathwing, un tempo conosciuto come Neltharion, l'Aspetto della Terra, anche Lui si era destato dal suo sonno. Con un seguito di nuovi orrendi mostri Ragnaros era tornato ad attaccare. Adesso toccava nuovamente a noi terminare quella minaccia prima che potesse causare danni enormi alle terre di Azeroth. Non eravamo di certo soli, ma per l'assalto finale ancora una volta avrei potuto contare solamente sulle forze dei miei nove compagni riuniti sotto la mia guida. Se vi state chiedendo chi siamo Noi la risposta è semplice : siamo un gruppo di compagni dell'Orda che hanno giurato sulla loro vita di porre termine ad ogni minaccia che si fosse presentata per la terra su cui viviamo. Noi siamo dieci guerrieri scelti dalle nostre razze e dalla nostra gente per difenderli da ogni minaccia. Io sono il Paladino che guida questo gruppo di eroi. Darkalon Lightbinder è il mio nome e, se avrete piacere di ascoltare, vi narrerò come quest'ultima impresa compiuta con l'aiuto ed il sostegno dei miei compagni abbia cambiato per sempre le vite di tutti...