martedì 3 gennaio 2012

Centurion

Credo sia l'unico film che abbiamo visto durante la vacanza di capodanno, ma non sò come mai, siamo rimasti tutti in silenzio a guardarlo . . . e in alcuni casi anche a fare battute varie . . . Questo film, ambientato in epoca domana, narra le gesta di Quintus Dias, centurione romano a capo di uno dei numerosi forti romani sparsi per il nord dell'Inghilterra durante la conquista della Britannia. Dopo essere scampato ad un violento attacco da parte della popolazione indigena dei Pitti si unisce alla storica Nona legione romana che nel II secolo d.C. si diresse verso la Scozia per cercare di debellare definitivamente i popoli barbari e unificare la Britannia sotto l'Impero Romano. Quintus si affianca al generale di legione Titus Flavius Virilus e durante una marcia incorrono in un'imboscata che decima quasi tutti i soldati. Tutto ciò è permesso dal tradimento di Etain . . . per motivi, che scoprirete durante la visione.
Tra i soppravissuti, sette, tra cui Quintus, riescono ad unirsi e decidono di salvare il comandante Titus, tenuto prigioniero dai pitti dopo l'attacco. Il tentativo di salvataggio fallisce, il comandante viene ucciso da Etain e il gruppetto di soldati si dà alla fuga verso nord e poi verso sud, cercando di raggiungere il Vallo di Adriano inseguiti, però, da un gruppo di guerrieri pitti capitanati dalla spietata e feroce Etain. Questi sono mandati per vendicare l'assasinio del figlio del capo-villaggio, che uno dei soppravvissuti, Thax, ha compiuto, durante il salvataggio di Titus Flavius Virilus, senza rivelarlo ai suoi compagni.
Durante la fuga Leonidas, un soldato di origini greche, viene ucciso da una freccia lanciata dagli inseguitori. Dopo la sua morte il gruppo si dividerà (non per loro volontà) in due: uno con Thax e Macros, in cui Thax ferirà Macros tanto che non possa camminare in modo che sia questo ad essere mangiato da dei lupi che inseguivano loro; e l'altro composto da Quintus Dias, Tarak, Bothos e Ubriculius, soprannominato Brick. I pitti seguiranno il secondo gruppo.
Nel corso della fuga, dopo che Tarak muore in un'imboscata dei pitti, Quintus e i suoi trovano ospitalità nella capanna di Arianne, una donna pitta che vive isolata poiché ritenuta una strega: la donna rifocilla i soldati romani, cura una ferita di Brick e dimostra la propria sincerità persino mettendo a repentaglio la sua vita quando Etain li raggiunge.
La fuga prosegue e raggiunto il fortino abbandonato, avviene lo scontro finale nel corso del quale viene ucciso Brick, ma i romani eliminano Etain e gli altri Pitti. Infine i rimanenti tre uomini dei gruppi si ricongiungono e Quintus Dias scopre che Thax aveva ucciso il figlio del capovillaggio, la causa dell'inseguimento e quindi di tutte le morti, e gli riferisce che una volta salvi pagherà. Avviene una colluttazione nella quale Thax muore. I due restanti riescono ad arrivare vivi al Vallo, all'epoca ancora in costruzione, ma una sentinella li scambia per guerrieri pitti e scaglia una freccia, uccidendo Bothos.
Finalmente in salvo, Quintus fa rapporto al governatore Agricola sull'accaduto. l finale, molto ''politico'' lo scoprirete solo guardandolo. Buona visione.