sabato 31 agosto 2013

Monster's University

La storia di questo prequel è abbastanza lineare senza particolari intrecci, un paio di colpi di scena ci sono e arrivano graditi a schivare un finale altrimenti troppo banale di rivincita e valore personale. Ricca di riferimenti alla vita da college americano che a noi italiani poco ci riguarda, ma ben sviluppato dal punto di
vista emotivo dei due protagonisti che riportano due figure tipo dell’adolescenza e delle nostre scuole superiori, cosa che
permette di apprezzarlo anche qui in Italia, anche se non abbiamo il college.
È uno dei pochi prequel che riesce ad essere sia originale e diverso, sia a mantenere perfettamente la continuità con il suo predecessore. Consigliato a tutte le età.

Now You See Me - I maghi del crimine

Un gruppo di maghi (l' illusionista J. Daniel Atlas, l' escapista Henley Reeves, il prestigiatore Jack Wilder e il mentalista Merritt McKinney) ricevono dei tarocchi da una misteriosa figura incappucciata che li ha osservati per mesi mentre eseguivano i loro trucchi; seguendo le tracce riportate sulle carte si ritrovano tutti insieme in un appartamento abbandonato dove scoprono degli ologrammi con le istruzioni per complicatissimi numeri di magia. Un anno dopo i maghi, adesso chiamati I Quattro Cavalieri , debuttano in un prestigioso show a Las Vegas sponsorizzato dal magnate di una compagnia assicurativa, Arthur Tressler. Da qui inizia il tour mondiale he li porterà ad eseguire trucchi sempre piu improbabili contornati da colpi di scena veramente belli e sconvolgenti...da vedere assolutamente.

Pacific Rim

Scusate il ritardo, o meglio l' assenza da queste pagine, ma ne approfitto per recensire alcuni film che ho visto ultimamente, come appunto Pacific Rim.
In un prossimo futuro il mondo è sotto l'attacco di giganteschi mostri alieni, noti come Kaijū , emersi da un portale interdimensionale sul fondo dell' oceano Pacifico. La guerra instaurata contro tali creature è destinata a distruggere milioni di vite e consumare le risorse umane per gli anni a venire. Per fronteggiare le titaniche minacce vengono ideate delle armi speciali: enormi mecha chiamati Jaegers, di solito controllati simultaneamente da due piloti le cui menti sono collegate a una rete neurale. Poiché i devastanti attacchi dei Kaijū sono quasi tutti concentrati sugli Stati che affacciano sul Pacifico, le nazioni più potenti del Pacific Rim impiegano gran parte delle proprie risorse per aderire al progetto Jaeger e la loro costruzione.
Inizialmente i robottoni terresti hanno la meglio, ma ad un certo punto iniziano a perdere le battaglie fino a che il progetto non viene abbandonato...certo questo è solo l inizio del film...per il resto dovrete andarlo a vedere, ma posso solo dire che si tratta di un sogno a occhi aperti, per uno come me che ha amato qualsiasi tipo do cartone animato ispirato ai robottoni.

Shadowhunters - Città di ossa

Che dire, non potevo non andare a vedere il nuovo film della saaga urban fantasy del momento.
Il film è tratto dall'omonimo romanzo fantasy, il primo della saga
Shadowhunters , in lingua originale nota con il titolo The Mortal
Instruments , ideata da Cassandra Clare e ambientata a New York.
La protagonista è Clary Fray è un'adolescente newyorkese che, in un locale, assiste ad un omicidio che solo lei sembra in grado di poter vedere. Più tardi, scopre che la madre viene rapita da un misterioso uomo chiamato Valentine, che è alla ricerca della cosiddetta Coppa Mortale. Catapultata quindi in un mondo di cui ignorava l'esistenza, in cui demoni, stregoni, vampiri, licantropi e altre creature leggendarie sono realtà, si affida agli Shadowhunters Jace, Alec e Isabelle, guerrieri semi-angeli che le
persone normali non possono vedere, per iniziare un viaggio alla ricerca della madre e alla scoperta di quell'universo di cui anche lei sembra far parte. Dopo aver scoperto verità nascoste sul suo passato e sui suoi antenati, si renderà conto di avere anche lei dei poteri. Grazie alle sue doti, riesce a trovare la Coppa che era stata nascosta dalla madre, per poi vedersi tradita e costretta a rinunciare ad essa. Nel mezzo di una battaglia tra forze che a fatica riesce a capire, continuerà quindi la sua corsa contro il tempo per salvare la madre prima che sia troppo tardi.
Che dire in alcuni punti si discosta molto dal libro, però alla fine nel complesso è un film valido per il suo genere, anche se accolto freddamente sia al botteghino che dalla critica.

giovedì 29 agosto 2013

Stendhal - L' Amore

L'amore è come la febbre. Nasce e si spegne senza che la volontà ne abbia la minima parte.